Prestito chirografario

Pubblicato il 18 novembre 2020

Il prestito chirografario rientra nella famiglia dei finanziamenti senza garanzie reali. Al di là della certificazione reddituale, i prestiti chirografari sono finanziamenti a breve o medio termine che prevedono come unica garanzia la firma del richiedente.

Significato

Da qui l'origine lessicale di "chirografario" che deriva infatti dalle parole greche "chiro" (mano) e "grafo" (scritto) e che significa quindi "scritto", "firmato".

La firma di chi richiede il prestito rappresenta, insieme al reddito dimostrabile (stipendio o pensione), la garanzia necessaria per accedere al finanziamento. In questo caso perciò non è necessario presentare garanzie aggiuntive all'ottenimento del prestito, come un’ipoteca sull’immobile, una fideiussione o la firma di un garante.

Tipologie di prestito

I prestiti chirografari possono prevedere diverse finalità d’uso come l’ottenimento di una liquidità aggiuntiva per realizzare un proprio porgetto o il consolidamento dei propri debiti. Rientrano nella categoria dei prestiti chirografari anche i prestiti personali, la cessione del quinto e i prestiti finalizzati per l’acquisto di elettrodomestici e di altri prodotti. In generale, le principali tipologie di prestito chirografario sono:

A seconda del finanziamento sottoscritto, è possibile optare per un prestito con tasso d'interesse fisso o tasso d'interesse variabile.

Come funziona il prestito chirografario

Come anticipato, la banca prima di concedere un prestito chirografario si avvale della facoltà di verificare la solidità finanziaria del soggetto, analizzandone la capacità reddituale e lo storico dei pagamenti relativi ai precedenti rimborsi di prestiti e mutui. Questa particolare tipologia di finanziamento non prevede durate di lungo periodo, ma solitamente il periodo di rimborso è compreso tra 12 e 120 mesi.

Lo stesso vale per gli importi concessi, il cui valore viene calcolato in base alla propria capacità finanziaria e normalmente non supera i 30-40.000€. Il prestito chirografario può essere richiesto sia dai privati che dalle imprese e dai liberi professionisti, semplicemente attraverso la firma del titolare oppure se richiesto presentando anche un certificato di reddito come la busta paga, la dichiarazione dei redditi o il cedolino della pensione.

Calcolo rata per prestito chirografario

Come per tutti i finanziamenti, anche la rata del prestito chirografario dipende innanzitutto dall'importo richiesto in prestito e potrà essere corrisposta all'istituto di credito ad esempio con cadenza mensile. A seconda delle condizioni contrattuali, l'importo della rata potrà essere fisso per tutta la durata del finanziamento o variare nel tempo. 

Per effettuare una simulazione puoi utilizzare il nostro servizio di calcolo rata del prestito. Per utilizzarlo avrai semplicemente bisogno dell'importo che desideri richiedere e il TAN percentuale.

Vota la voce del glossario :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Forse ti interessa anche...

Visualizza tutto il glossario

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.