02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Mondo prestiti

Prestiti e bollette in arretrato per 60 miliardi

Pubblicato il 17 maggio 2016
Prestiti e bollette in arretrato per 60 miliardi

Prestiti e bollette in arretrato per 60 miliardi

Per famiglie e imprese è sempre più difficile arrivare a fine mese: lo conferma la somma complessiva delle rate del mutuo, dei prestiti personali e delle bollette di luce, gas e telefono non pagate. Nel 2015 tale piaga ha toccato un nuovo punto record: 58,9 miliardi di euro pari a circa il 3,6% del Pil nazionale. A fare due conti nelle tasche degli Italiani è il sesto Rapporto di Unirec, l'Unione nazionale delle imprese di recupero crediti.

Lo scorso anno tali società, che vengono contattate sia da banche, sia dalle società che forniscono servizi,  hanno gestito 38,1 milioni tra pratiche nuove e quelle già aperte, il doppio rispetto al 2007.

La buona notizia tuttavia è che per la prima volta, proprio dal 2007, il loro numero è in calo: rispetto al 2014 vi è stato una riduzione del 6 per cento.

I crediti da recuperare, invece, hanno continuato a correre e sono cresciuti del 5 per cento. Secondo il rapporto Unirec, se si prende come riferimento il 2012 la crescita è stata del 37 per cento. Allo stesso modo è aumentato anche l’importo medio da recuperare pari a circa 1.547 euro. Nonostante le difficoltà delle imprese, a vivere la situazione più complessa sono le famiglie: otto pratiche su dieci, sia per numero che per importo, derivano dal mancato pagamento di privati.

Il lavoro delle società di recupero crediti si conferma come sempre difficile: nel 2015 sono riuscite a ottenere il pagamento da parte dei debitori di 9,4 miliardi di rate e bollette con un tasso di recupero del 15,9% in peggioramento del 2,6% rispetto al 2014 e del 5,6% se confrontato con il 2012.

Il fenomeno investe tutta la Penisola ma la metà dei crediti affidati alle società specializzate nel recupero, sia per numero che per importi, è prevalentemente concentrato in Lombardia, Campania, Lazio e Sicilia.

Tra le regioni che scontano il livello più elevato di indebitamento, il primato va alla Lombardia dove i mancati pagamenti di famiglie e imprese valgono più di 9 miliardi di euro.

Vota la news :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Altre news

Scrivi un commento

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Rosaria Barrile, giornalista professionista nata a Milano e laureata in Scienze Politiche, ha iniziato nel 2004 ad occuparsi di prodotti e servizi bancari e assicurativi per conto di un periodico specializzato e da allora non ha mai smesso.

In passato ha collaborato, tra gli altri, con il settimanale Soldi, la testata on line Etica News e il portale dedicato alle donne alfemminile.com. Ha condotto i servizi esterni della trasmissione Salvadenaro, programma di educazione finanziaria andato in onda sul canale 7Gold. Collabora attualmente con le testate on line Lamiafinanza.it, Lamiafinanza-green.it, Lamiaprevidenza.it, Banca e Mercati, e i mensili Largo Consumo e Bluerating.

Cerca