02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Mondo prestiti

05 aprile 2013

News - Credito al consumo: tassi in aumento sui prestiti

Cresce numero di famiglie con prestiti

Crescono i tassi di interesse sui prestiti personali, ma c’è chi continua a indebitarsi anche per affrontare spese non sempre irrinunciabili. Il panorama è complesso, in una situazione che vede contrarsi il ricorso al credito al consumo, ma con importanti eccezioni. Partiamo dagli ultimi dati della Banca d’Italia che rilevano come i tassi sui mutui sono rimasti piuttosto stabili, mentre a marzo si è avuta un incremento degli interessi sulle nuove erogazioni di credito al consumo fino al 9,59%, contro il 9,08% dello scorso dicembre.

Del resto la necessità di ricorrere a prestiti personali è cresciuta anche secondo l’Istat che nel suo primo rapporto Bes (Benessere equo sostenibile) ha registrato una crescita delle famiglie indebitate negli ultimi quattro anni, con un balzo evidente nel corso del 2012 dal 2,3% al 6,5%: 6,7 milioni le persone in difficoltà economica, soprattutto a causa della perdita del lavoro.


In questo quadro anche il credito al consumo ha avuto una contrazione, dovuta principalmente alla mancanza di requisiti di garanzia da parte degli acquirenti: gli ultimi dati di Assofin parlano di una contrazione intorno all’11% sia in numero di operazioni (eccetto le carte rateali), sia in valore totale. A diminuire però sono soprattutto le richieste di prestiti per finalità professionali, mentre tante persone continuano a ricorrere ai contratti di finanziamento per l’acquisto di telefonia mobile (cellulari ma anche abbonamenti), tablet, piccoli e grandi elettrodomestici, apparecchiature elettroniche. Confartigianato Imprese Puglia è andata a fondo con un report dedicato per capire cosa spinge a chiedere prestiti, visto che solo in Puglia le famiglie si sono indebitate per oltre sette miliardi di euro, concessi da banche e intermediari finanziari. A spingere le richieste di credito (con carte, prestiti personali e cessioni del quinto dello stipendio) c’è la necessità di acquistare beni, servizi, ma anche di pagare le vacanze.

Vota la news :

Valutazione media: 0,0 su 5 ( 0 voti)

di Eleonora Della Ratta

Altre news

Scrivi un commento

Il profilo dell'autore

Eleonora Della Ratta, toscana, è giornalista professionista specializzata nei temi di economia e risparmio.

Dopo aver lavorato come cronista sia per la carta stampata che per la televisione (Il Corriere di Firenze, Toscana Tv), dal 2007 si occupa di economia, risparmio e lavoro. Scrive per Il Sole 24 Ore, in particolare sui temi di lavoro e formazione. Collabora con Famiglia Cristiana e le testate del Gruppo San Paolo interessandosi, tra l’altro, di assicurazioni, mutui e immobiliare. Ha seguito per Yahoo! Italia i canali di Economia e News.

Cerca

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.