02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Mondo prestiti

In aumento debiti e sofferenze bancarie

Pubblicato il 17 settembre 2015
 E’ boom di prestiti non rimborsati

Famiglie e imprese stentano a restituire i finanziamenti ottenuti dagli istituti di credito

Famiglie e imprese sempre più in affanno: i debiti contratti con le banche, anziché diminuire nell’attesa della ripresa economica, sono in deciso aumento  come emerge  dall’ultimo rapporto mensile sul credito del Centro studi di Unimpresa.

Crescono infatti le sofferenze nei bilanci delle banche: negli ultimi 12 mesi, da luglio 2014 a luglio 2015, sono cresciute del 16% arrivando a superare i 197 miliardi di euro, in aumento di quasi 30 miliardi. La quota maggiore di prestiti non rimborsati è quella delle imprese per un ammontare complessivo di 141 miliardi.

Nel dettaglio, la quota di sofferenze che fa capo alle imprese è salita da 119,4 miliardi a 140,9 (+17,99%) in aumento di 21,4 miliardi. La parte relativa alle famiglie è cresciuta da 32,8 miliardi a 35,9 miliardi (+9,40%) in salita di 3,1 miliardi. Per le imprese familiari c’è stato un aumento di 1,6 miliardi da 14,2 miliardi a 15,9 miliardi (+11,43%). Le "altre" sofferenze (quelle alimentate dal debito contratto da Pubblica amministrazione, onlus, assicurazioni, fondi pensione) sono passate invece da 2,4 a 4,2 miliardi (+75,31%) con 1,8 miliardi in più.

Complessivamente le sofferenze, ovvero la quota di prestiti di cui le banche non riescono a ottenere il rimborso, corrispondono al 14% dei prestiti concessi complessivamente in aumento rispetto al 12% di un anno fa.

Al di là dei numeri in quanto tali, è la tendenza a preoccupare perché in quattro anni e mezzo le sofferenze sono più che raddoppiate: da dicembre 2010 a luglio 2015, sono passate da 77,8 miliardi a 197,1 miliardi in salita di 119,7 miliardi. A fine 2011 erano a 107,1 miliardi; alla fine del 2012 a 124,9 miliardi.

Se chi prende in prestito fa fatica a onorare il pagamento della rata, il sistema bancario a sua volta stenta ad allargare i cordoni della borsa: nell'ultimo anno, secondo i dati di Unimpresa le banche hanno tagliato i finanziamenti a imprese e famiglie per complessivi 10 miliardi (-0,6%).

Unica eccezione in questo quadro desolante sono i prestiti a medio termine: per le aziende sono saliti di quasi 13 miliardi (+12%) mentre per il credito al consumo è aumentato di quasi 12 miliardi (+20%). 

Vota la news :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Altre news

Scrivi un commento

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Rosaria Barrile, giornalista professionista nata a Milano e laureata in Scienze Politiche, ha iniziato nel 2004 ad occuparsi di prodotti e servizi bancari e assicurativi per conto di un periodico specializzato e da allora non ha mai smesso.

In passato ha collaborato, tra gli altri, con il settimanale Soldi, la testata on line Etica News e il portale dedicato alle donne alfemminile.com. Ha condotto i servizi esterni della trasmissione Salvadenaro, programma di educazione finanziaria andato in onda sul canale 7Gold. Collabora attualmente con le testate on line Lamiafinanza.it, Lamiafinanza-green.it, Lamiaprevidenza.it, Banca e Mercati, e i mensili Largo Consumo e Bluerating.

Cerca