02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Mondo prestiti

Cambiali, da Nord a Sud è boom di protesti

Pubblicato il 14 maggio 2015
Cambiali e protestati in aumento

Aumentano non solo le cambiali, ma anche il numero di quelle che non vengono saldate

Di fronte alla crisi economica, e alle difficoltà di tirare fino a fine mese, c’è chi chiede un prestito personale e c’è chi invece ricorre alle cambiali per ottenere un ulteriore allungamento dei tempi di pagamento. Ma con l’aumento delle cambiali è aumentato anche il numero di quelle protestate.

Secondo un'analisi di Gextra, una società specializzata nel recupero crediti, i mancati pagamenti sul 'pagherò' nel 2013 sono stati in totale di 951.296, per un ammontare di 1.606 miliardi di euro. A testimoniare tuttavia la debolezza economica di famiglie e imprese è il dato sull’andamento del fenomeno: l’aumento, ottenuto dall’elaborazione della società su dati Istat, è stato di oltre il 300% in alcune realtà del territorio nazionale.

Il trend vede le province del Nord registrare i maggiori incrementi dei protesti: a Ferrara all'incremento del 45% del numero di protesti corrisponde quasi il raddoppio dell'ammontare per un totale complessivo di 5,047 milioni di euro.

Nel bellunese l'aumento del numero di protesti (+28,8%) ha fatto raddoppiare nel 2013 rispetto all'anno precedente il valore totale pari a 1,767 milioni di euro. In provincia di Reggio Emilia i protesti sono saliti del 16,7% ma l'ammontare totale, pari a 6,548 milioni di euro è avanzato più velocemente con un tasso del 64,5%.

A Modena il valore complessivo, pari a 13,405 milioni di euro, è cresciuto meno del numero di protesti legati ai vaglia cambiari (+16,6%).

Unica eccezione “territoriale” è Rieti, situata nell’alto Lazio: nel 2013 vi è stato un boom  del numero di protesti che registrano un aumento del 374% rispetto all'anno precedente.

L’analisi di Gextra evidenzia poi come in alcune province i protesti siano diminuiti di numero ma siano cresciuti esponenzialmente nel valore. In pratica, rispetto all’anno precedente, chi si è indebitato l’ha fatto in misura maggiore rispetto al passato.

L’esempio più clamoroso è Avellino: pur in presenza di una leggera riduzione di protesti pari quasi al 3%, il valore complessivo dell’ammontare è più che triplicato per un totale di 53,64 milioni di euro. A Cremona i protesti nel 2013 rispetto al 2012 sono calati del 10% mentre il valore complessivo è aumentato di oltre il 40% per un totale di 9,329 milioni di euro. Stessa situazione a Sondrio: nonostante un calo del 7% gli importi sono cresciuti del 27%. A Genova a fronte di una riduzione del 3,3% dei protesti vi è stato invece un aumento del valore di quasi il  30%.

Vota la news :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Altre news

Scrivi un commento

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Rosaria Barrile, giornalista professionista nata a Milano e laureata in Scienze Politiche, ha iniziato nel 2004 ad occuparsi di prodotti e servizi bancari e assicurativi per conto di un periodico specializzato e da allora non ha mai smesso.

In passato ha collaborato, tra gli altri, con il settimanale Soldi, la testata on line Etica News e il portale dedicato alle donne alfemminile.com. Ha condotto i servizi esterni della trasmissione Salvadenaro, programma di educazione finanziaria andato in onda sul canale 7Gold. Collabora attualmente con le testate on line Lamiafinanza.it, Lamiafinanza-green.it, Lamiaprevidenza.it, Banca e Mercati, e i mensili Largo Consumo e Bluerating.

Cerca