02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Mondo prestiti

Tentata truffa su cessione del quinto

Pubblicato il 22 dicembre 2015
Milano: truffe su cessione del quinto

Cessione del quinto, più di tremila “lettere pazze”

Lettere “pazze” o manovra pubblicitaria poco trasparente?  E’ il dubbio sollevato da una vicenda che ha visto alcuni milanesi ricevere nella casella della posta un sollecito per il rinnovo di un contratto di cessione del quinto mai siglato. 
I dettagli, riportati alcune settimane fa sulle pagine della cronaca cittadina del quotidiano Il Giorno, lasciano il dubbio, ma la prudenza, come si dice in questi casi, non è mai troppa. 
A essere finiti nel “mirino” di una società finanziaria poco nota alcuni dipendenti pubblici e pensionati di Milano che si sono visti recapitare alcune lettere. Nel contenuto, riportato dal quotidiano, viene lasciato intendere la presunta attivazione di un primo finanziamento di questo tipo: “desideriamo informarla che la sua cessione del quinto di stipendio (sovvenzione o piccolo prestito) potrebbe già essere rinnovata...”.
In realtà, invece, i destinatari della lettera, non avevano mai fatto ricorso alla cessione del quinto, né tanto meno con quella società.
A questo punto i cronisti contattano sotto mentite spoglie la società finanziaria che ammette di aver inviato almeno 3mila lettere “pazze”  ovvero lettere destinate a persone che nessun quinto hanno mai ceduto.
Che fare quindi se si riceve una di queste lettere? Semplicemente nulla, per non abboccare all’amo lanciato da questa società.
Perché in pratica viene presentata “l’opportunità di entrare in possesso di un’ulteriore somma di denaro ad un’eccezionale tasso del 4,7%, anche con piccoli acconti qualora la sua cessione del quinto di stipendio (sovvenzione o piccolo prestito) non fosse immediatamente rinnovabile”. E per rendere ancora più allettante l’offerta viene precisato: “L’operazione, se rinnovata a seguito di questa comunicazione, le permetterebbe il totale abbuono degli interessi futuri della vecchia operazione e il recupero dei costi della polizza assicurativa non goduta come da normativa vigente”.
In sostanza, con queste argomentazioni, la società potrebbe aver tentato di attrarre ignari dipendenti e pensionati con il miraggio di un prestito molto conveniente. Peccato però che siano stati smascherati dai cronisti de Il Giorno: per poter erogare un prestito sotto forma di cessione del quinto occorre infatti aver siglato una convenzione con l’Inps che la società in questione non ha mai fatto.

Vota la news :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Altre news

Scrivi un commento

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Rosaria Barrile, giornalista professionista nata a Milano e laureata in Scienze Politiche, ha iniziato nel 2004 ad occuparsi di prodotti e servizi bancari e assicurativi per conto di un periodico specializzato e da allora non ha mai smesso.

In passato ha collaborato, tra gli altri, con il settimanale Soldi, la testata on line Etica News e il portale dedicato alle donne alfemminile.com. Ha condotto i servizi esterni della trasmissione Salvadenaro, programma di educazione finanziaria andato in onda sul canale 7Gold. Collabora attualmente con le testate on line Lamiafinanza.it, Lamiafinanza-green.it, Lamiaprevidenza.it, Banca e Mercati, e i mensili Largo Consumo e Bluerating.

Cerca