02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Mondo prestiti

Prestiti: si chiedono meno soldi ma più veloci

Pubblicato il 10 novembre 2016
Prestiti più light e veloci nei primi nove mesi dell’anno

Aggiornamenti dal barometro Crif sui prestiti in Italia

Nei primi nove mesi dell’anno le famiglie italiane sono tornate a chiedere prestiti per far fronte alle spese e dilazionare il pagamento degli acquisti. Ma a differenza del passato si prediligono importi più contenuti purché forniti dalla banca o società di credito al consumo in tempi più rapidi.
Secondo l’ultimo aggiornamento del Barometro Crif sulle richieste di finanziamento, nel mese di settembre il numero di domande di prestiti complessivi da parte delle famiglie italiane, che consiste nella somma di prestiti personali e prestiti finalizzati, tra cui prestiti auto, prestiti casa e altro ancora, ha fatto registrare un nuovo incremento, pari al 4,2% rispetto allo stesso mese del 2015. Se si guarda all’andamento dei primi nove mesi del 2016 rispetto al corrispondente periodo dell’anno scorso l’incremento è persino superiore e pari a 7,5%.
L’analisi condotta dalla società Crif, specializzata nel fornire informazioni creditizie, mette poi a confronto l’andamento della domanda di prestiti finalizzati con quella di prestiti personali. 
In generale, nei primi nove mesi dell’anno in corso le richieste di prestiti finalizzati all’acquisto di beni e servizi (quali autoveicoli, motocicli, articoli di arredamento, elettronica ed elettrodomestici, viaggi, spese mediche, palestre, ecc.) sono cresciute del 9,4% rispetto al corrispondente periodo del 2015.
Più contenuto l’incremento di prestiti personali che ha registrato un aumento del 4,7% rispetto ai primi 9 mesi dello scorso anno. 
L’aumento delle domande di credito sembra andare di pari passo con l’aumento degli importi medi richiesti: nell’aggregato di prestiti finalizzati e prestiti personali, l’importo medio richiesto nel periodo gennaio-settembre dell’anno in corso si è attestato a 8.336 euro, con un leggero incremento del 5,6% rispetto allo stesso periodo del 2015. 
Nel dettaglio relativo ai prestiti finalizzati l’importo medio richiesto nei primi nove mesi del 2016 è stato pari a 5.446 euro (con un aumento dell’8,8% rispetto allo stesso periodo del 2015), mentre per i prestiti personali è stato di 12.362 euro con un aumento del 4,8%.
Il peso numericamente più importante dei prestiti finalizzati rispetto a quelle personali fa sì che, relativamente alla distribuzione delle richieste per fascia di importo, le preferenze degli italiani si concentrino prevalentemente nella classe inferiore ai 5 mila euro che è arrivata a rappresentare ormai il 48,3% del totale delle richieste di finanziamento. Relativamente ai soli prestiti finalizzati tale quota raggiunge addirittura il 65,6% del totale mentre nel caso dei prestiti personali rappresenta il 26,6%.

Vota la news :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Altre news

Scrivi un commento

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Rosaria Barrile, giornalista professionista nata a Milano e laureata in Scienze Politiche, ha iniziato nel 2004 ad occuparsi di prodotti e servizi bancari e assicurativi per conto di un periodico specializzato e da allora non ha mai smesso.

In passato ha collaborato, tra gli altri, con il settimanale Soldi, la testata on line Etica News e il portale dedicato alle donne alfemminile.com. Ha condotto i servizi esterni della trasmissione Salvadenaro, programma di educazione finanziaria andato in onda sul canale 7Gold. Collabora attualmente con le testate on line Lamiafinanza.it, Lamiafinanza-green.it, Lamiaprevidenza.it, Banca e Mercati, e i mensili Largo Consumo e Bluerating.

Cerca