02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Mondo prestiti

Prestiti personali, l'italiano vuole auto e mobili

Pubblicato il 4 maggio 2018
Arredamento e auto in cima alle motivazioni di prestito

Le finalità per cui si chiedono prestiti in Italia

Gli italiani si distinguono sempre di più come popolo di santi, poeti e...consumatori compulsivi. La conferma arriva da una ricerca di Assofin, l’Associazione italiana credito al consumo e immobiliare, commissionata a Gfk, società di ricerche di mercato. Dalla ricerca emerge una classifica sulle destinazioni del denaro chiesto in prestito a banche e finanziarie ed elargito sotto forma di prestiti personali, settore trainante del segmento con un +8,8% e un mese di marzo che, secondo il Crif, è tornato ai livelli pre crisi, facendo segnare il numero di richieste più alto dal 2011 a oggi.

Il 18% degli italiani compra l'auto usata. Tra le motivazioni delle richieste, al primo posto col 18% c’è l’acquisto dell’auto usata: l’auto nuova è comprata dal 16% di coloro che richiedono un prestito personale. Secondo i dati Assofin-Gfk, aumentano le richieste di prestiti personali per acquistare elettrodomestici ed elettronica (16%) e anche quelli per le ristrutturazioni e per l’efficientamento energetico (15%). Colpisce parecchio il 12% di coloro che richiedono prestiti per spese mediche e dentistiche, in un Paese dove la sanità è pubblica e andrebbe quindi garantita a tutti. Il 2% dei richiedenti finanziamenti destina le somme alla copertura di costi d’investimento in azienda (2%), mentre il 5% le dirotta ai finanziamenti per supportare lo studio dei figli.

Solo l'1% dei prestiti è destinato ai viaggi. Appare residuale la richiesta di denaro con prestiti personali destinati a soddisfare le esigenze ludiche o quelle di piccola mobilità: soltanto l’1% degli italiani, infatti, impegna queste somme in viaggi e il 3% le usa per acquistare ciclomotori e moto.

L'8% dei prestiti va in consolidamento debiti. Colpisce, invece, il dato relativo al consolidamento debito: ben l’8% delle richieste di prestiti serve al consolidamento degli impegni debitori. In sostanza, dal quadro emerge che le famiglie s’indebitano per pagare debiti accesi in precedenza, anche se col consolidamento migliorano le condizioni di pagamento.

Italiani popolo di consumatori. Dalla ricerca Assofin-Gfk emerge la foto di una nazione costretta a far quadrare i conti, con gli italiani schiacciati tra un modello di consumo che impone prodotti spesso non indispensabili e un reddito annuo che, secondo il ministero dell’Economia, in media tocca i 21 mila euro.

Il dato sugli stipendi medi percepiti, questa volta secondo l’Ocse, colloca l’Italia al 9° posto della classifica europea, sotto la Francia, la Germania, il Lussemburgo, la Svizzera e l’Irlanda. Ecco perché, in uno scenario come questo, può diventare necessario ricorrere ai prestiti personali se si vogliono realizzare determinati consumi.

Vota la news :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Altre news

Prestiti: ottieni fino a 75.000€ Confronto Prestiti »

Scrivi un commento

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Franco Canevesio, nato a Genova, è un giornalista professionista la cui attività è principalmente focalizzata su temi di economia e borsa.

Ha lavorato a La Repubblica, nei primi anni ’90, dedicandosi alla cronaca e collaborando, nello stesso periodo, con diverse televisioni private liguri. Trasferitosi a Milano, ha lavorato come capo redattore di Italia-iNvest.com, il primo sito specializzato in economia in Italia. Franco Canevesio ha anche lavorato al sito di Giuseppe Turani “Lettera finanziaria”. Per ciò che concerne la carta stampata ha collaborato con La Repubblica – Affari & Finanza ed è stato redattore capo di Finanza e Mercati. Attualmente, lavora presso MF-Milano Finanza.

Cerca