02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Mondo prestiti

Osservatorio sul credito al dettaglio

Pubblicato il 16 giugno 2016
Nel 2015 aumenta il ricorso ai prestiti

Buone le performance dei prestiti in Italia

Gli Italiani tornano a ricorrere ai prestiti personali e al credito al consumo quando si tratta di pianificare le spese più importanti, in particolare auto e moto. Ma decidono di farlo, nella maggior parte dei casi, solo dopo aver valutato più attentamente il livello delle entrate familiari: per questo motivo diminuisce il numero di coloro che non sono più in grado o fanno molta fatica a restituire il finanziamento.
A fornire questo scenario è la quarantesima edizione dell’Osservatorio sul Credito al Dettaglio realizzato da Assofin, CRIF e Prometeia, secondo cui nel corso degli ultimi mesi del 2015 e del primo trimestre 2016 il mercato del credito alle famiglie ha continuato a mostrare quei segnali di miglioramento già evidenziati nei mesi precedenti. 
Nel corso del 2015, l’attività di erogazione di credito al consumo è tornata a mostrare una crescita a doppia cifra, con i flussi finanziati, seppur ancora inferiori rispetto ai volumi pre-crisi, in aumento del +13.9%. 
Attraverso il credito ottenuto le famiglie italiane sono tornate a spendere in particolare per gli acquisti di beni durevoli rinviati negli anni scorsi. Aumentano leggermente, infatti, gli importi medi erogati e le durate dei contratti di finanziamento.
Nel dettaglio vi è stato un aumento dei finanziamenti finalizzati all’acquisto di auto e moto erogati presso i concessionari (pari al 27.7% nel primo trimestre 2016), anche grazie a un livello dei tassi contenuti e alle offerte promozionali.
Anche i prestiti personali hanno chiuso il 2015 in decisa crescita per accelerare ulteriormente nei primi tre mesi dell’anno in corso (+18.4%). In netta ripresa anche i finanziamenti finalizzati all’acquisto di altri beni e servizi che nel primo trimestre 2016 registrano un aumento dell’11.3%. Sulla buona performance incidono in particolare i finanziamenti finalizzati all’acquisto di arredo e di elettrodomestici, favoriti ancora dalle detrazioni fiscali. Nel primo trimestre 2016 anche i finanziamenti contro cessione del quinto dello stipendio/pensione mostrano una crescita a doppia cifra (+10.3%). 
L’Osservatorio sul credito al dettaglio evidenzia inoltre una tendenza ancora più importante: chi ricorre ad un finanziamento tende a farlo dopo aver valutato bene la propria capacità di ripagare il debito. L’ultima parte del 2015 e il primo trimestre del 2016 mostrano infatti un’ulteriore riduzione della rischiosità del credito al consumo. Il tasso di default (ovvero l’indice di rischio di credito che in estrema sintesi indica i ritardi nel pagamento di  sei o più rate nell’ultimo anno di rilevazione) del credito al dettaglio considerato nel suo complesso si è infatti attestato a marzo 2016 all’1.9%, rispetto al 2.3% del marzo 2015.
La contrazione è risultata particolarmente significativa per i prestiti personali: la rischiosità è passata dal 3.7% di marzo 2015 al 2.9% di marzo 2016. Migliora anche se di poco anche la capacità di ripagare i prestiti finalizzati, ovvero quelli legati all’acquisto di un determinato prodotto:  il tasso di default scende di 0.3 punti percentuali rispetto a marzo 2015.
 

Vota la news :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Altre news

Scrivi un commento

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Rosaria Barrile, giornalista professionista nata a Milano e laureata in Scienze Politiche, ha iniziato nel 2004 ad occuparsi di prodotti e servizi bancari e assicurativi per conto di un periodico specializzato e da allora non ha mai smesso.

In passato ha collaborato, tra gli altri, con il settimanale Soldi, la testata on line Etica News e il portale dedicato alle donne alfemminile.com. Ha condotto i servizi esterni della trasmissione Salvadenaro, programma di educazione finanziaria andato in onda sul canale 7Gold. Collabora attualmente con le testate on line Lamiafinanza.it, Lamiafinanza-green.it, Lamiaprevidenza.it, Banca e Mercati, e i mensili Largo Consumo e Bluerating.

Cerca