02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Mondo prestiti

Crediti deteriorati, 360 miliardi di prestiti non rimborsati

Pubblicato il 27 agosto 2020
Crediti deteriorati, un nodo da sciogliere

Un nodo da sciogliere per evitare ulteriori contraccolpi all'economia nazionale

Quello delle sofferenze bancarie a carico delle famiglie e delle imprese è un tema sempre caldo in Italia. Un nodo che, se non viene affrontato in maniera finalmente efficace, funzionerà ancora una volta da zavorra per la ripartenza. È convinta di questo Tania Ortisi, consigliere nazionale di Unimpresa. È lei a lanciare l'allarme: tra imprese e famiglie sono oltre dieci milioni i soggetti coinvolti nel fenomeno della cessione dei crediti deteriorati, i famigerati npl, di cui le banche si liberano a favore di fondi specializzati. Un business che parte spesso dai prestiti personali contratti e poi non restituiti che però consentono alle società di recupero crediti di guadagnare cifre ragguardevoli.

Oltre 360 miliardi di euro di prestiti non rimborsati. “È un nodo, questo, che va risolto molto rapidamente. Altrimenti non si potrà rimettere in moto l’economia italiana”, sottolinea Ortisi. Il tema, secondo lei, è ampiamente sottovalutato anche se, ribadisce, riguarda oltre dieci milioni di persone. Secondo il Centro studi Unimpresa, si tratta di 360 miliardi di euro di prestiti (compresi parecchi prestiti personali) non rimborsati da oltre 2,2 milioni di clienti delle banche. A questi si aggiungono obbligati e co-obbligati, garanti e dipendenti delle imprese debitrici che sono andate in crisi. Il totale, ribadisce Unimpresa, porta a dieci milioni di soggetti attualmente indebitati che, addirittura, potrebbero aumentare in maniera corposa in scia alle conseguenze economiche del coronavirus.

Le banche regalano gli npl a società di recupero crediti (che guadagnano). Secondo la ricerca targata Unimpresa, le norme europee e italiane hanno portato le banche italiane a fare continue e massive cessioni dei loro crediti deteriorati senza considerare l'impatto che queste operazioni avrebbero avuto sull’economia reale ma anche su aziende, occupazione, famiglie. Gli unici che hanno qualche beneficio dal business risultano essere i fondi cessionari, fa notare Ortisi, quelli che hanno acquistato pacchetti di crediti inesigibili al 10% o, nel peggiore dei casi, al 30%. Crediti molto sottovalutati che vengono ceduti dalle banche generando una conseguenza: svendendo questi npl, non performing loan, gli istituti di credito puliscono i loro bilanci. Li regalano, di fatto, spiega Unimpresa, a società che sono specializzate nel recupero crediti e che, in virtù di questo business, si assicurano margini di guadagno decisamente importanti. 

Ortisi, Unimpresa: “soggetti mai tutelati che rischiano sempre di più”. “La gestione non corretta circa le posizioni dei crediti deteriorati ha effetti evidenti sia economici che sociali. Si parla sempre soltanto di numeri dietro ai quali, però, ci sono persone, aziende, posti di lavoro e famiglie mai tutelati. Soggetti che, al contrario, sembrano ricevere una spinta ulteriore a impantanarsi ancora di più”, afferma preoccupata Ortisi. Attualmente, fa notare, stazionano in Senato tre disegni di legge che focalizzano l’attenzione su qualcosa che finora è stato completamente ignorato, ossia la tutela del debitore, ponendo l'accento sulla ricerca di un equilibrio tra forza contrattuale delle banche e dei debitori, ma trattando con pari dignità i due soggetti. Secondo il consigliere nazionale Unimpresa, curatrice della ricerca, la soluzione potrebbe essere proprio quella di unificare le tre proposte di legge che si occupano di regolamentare le varie fasi della gestione del credito deteriorato. Questo, dice Ortisi, “permetterebbe di affrontare le problematiche salvaguardando i diritti delle parti e riequilibrando le posizioni reciproche”.
 

Vota la news :

Valutazione media: 1,0 su 5 (1 voti)

Altre news

Prestiti: ottieni fino a 75.000€ Confronto Prestiti »

Scrivi un commento

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Franco Canevesio, nato a Genova, è un giornalista professionista la cui attività è principalmente focalizzata su temi di economia e borsa.

Ha lavorato a La Repubblica, nei primi anni ’90, dedicandosi alla cronaca e collaborando, nello stesso periodo, con diverse televisioni private liguri. Trasferitosi a Milano, ha lavorato come capo redattore di Italia-iNvest.com, il primo sito specializzato in economia in Italia. Franco Canevesio ha anche lavorato al sito di Giuseppe Turani “Lettera finanziaria”. Per ciò che concerne la carta stampata ha collaborato con La Repubblica – Affari & Finanza ed è stato redattore capo di Finanza e Mercati. Attualmente, lavora presso MF-Milano Finanza.

Cerca