Come sono cambiati i consumi degli italiani durante la pandemia

Come sono cambiati i consumi degli italiani durante la pandemia

A dicembre aumentano le vendite al dettaglio

Pubblicato il 22 febbraio 2021

Il coronavirus e le misure per arginare i contagi hanno avuto un impatto devastante sui consumi. Ma i dati dell'Istat indicano alcuni punti di luce.

A dicembre, le vendite al dettaglio sono aumentate del 2,5% rispetto al mese precedente.

Dicembre tra difficoltà e segnali di ripresa

La novità non è tanto il segno più, quanto il fatto che a crescere (con tutta probabilità grazie alla stagione natalizia) sono soprattutto i beni non alimentari (+4,8% in valore e +4,5% in volume).

Un segnale positivo dagli articoli che, nel corso del 2020, hanno sofferto di più, facendo ipotizzare anche il ricorso ai prestiti. A dicembre sono invece rimasti stabili, dopo un anno in crescita, i beni alimentari.

Dicembre non è però stato sufficiente per recuperare quanto perso. Il confronto con lo stesso mese del 2019 racconta ancora la difficoltà vissuta da famiglie e attività commerciali: le vendite al dettaglio sono diminuite del 3,1% in valore e del 3,2% in volume.

Con una forte crescita per i beni alimentari (+6,6% in valore e +5,7% in volume) e una caduta dei beni non alimentari (-9,4% in valore e -9,5% in volume).

I segni del Covid-19 sul commercio

Il Covid-19 non ha pesato solo sull'entità dei consumi, ma anche sulla loro composizione. Le limitazioni legate al lockdown e la ridotta socialità hanno diminuito la necessità di nuovi acquisti in settori come abbigliamento, pellicceria e calzature (-23,4%) e articoli da viaggio (-14,6%) rispetto al 2019.

L'importanza di soluzioni digitali per comprare, comunicare e sfruttare il tempo libero si riflette sulla spesa per dotazioni informatiche, telecomunicazioni e telefonia, cresciute del 15,3%.

Anche utensileria per la casa e ferramenta sono in territorio positivo, grazie a un progresso del 2,3%.

Negozi fisici in crisi, cresce l'e-commerce

Il legame tra stili di vita imposti dalle misure anti-contagio e la composizione dei consumi è chiaro: meno socialità, distanziamento e l’impossibilità di viaggiare hanno trasferito la spesa verso i beni relativi alla casa, alla cucina e alla tecnologia.

È cambiato anche il modo di acquistare. Spinto dalla necessità di limitare spostamenti e assembramenti, il commercio online è cresciuto del 34,6%. I negozi fisici segnano un calo delle vendite; a soffrire sono soprattutto quelli che operano su piccole superfici (-6,6%), ma anche la grande distribuzione accusa il colpo (-2,5%).

Vota la news :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Altre news

Scrivi un commento

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Paolo Fiore, giornalista professionista e leccese in trasferta: Bologna, Roma, New York, Milano. Dopo la Scuola di giornalismo Walter Tobagi, ha scritto per Affaritaliani, MF-Milano Finanza, l'Espresso, Startupitalia e Skytg24.it. Si occupa di economia e innovazione per Agi, FocuSicilia e collabora con il gruppo Rcs.

Prestiti: ottieni fino a 75.000€ Confronto Prestiti