02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Mondo prestiti

Banche e stranieri, il rapporto si fa sempre più stretto

Pubblicato il 26 aprile 2018
Migranti e banche: i dati di Abi e Ministero dell’Interno

Ecco cosa emerge dal rapporto sull'inclusione finanziaria dei migranti in Italia

Nel nostro Paese si fa sempre più stretto il rapporto tra migranti e banche. Lo dicono i dati del Rapporto sull’inclusione finanziaria dei migranti in Italia, progetto pluriennale (siamo alla settima edizione) diffuso pochi giorni fa per il 2018 e nato da una collaborazione tra Abi e ministero dell’Interno. Dal rapporto, in sintesi, emerge l'aumento dell’inclusione finanziaria dei cittadini stranieri, ancora più marcata con l'aiuto di digitalizzazione e di strumenti di pagamento sempre più vari: tre cittadini stranieri su quattro risultano essere titolari di un conto corrente; quasi uno su tre accede a svariati servizi bancari, compresi prestiti personali, anche attraverso smartphone e tablet. Oltre la metà, infine, fa ricorso all’internet banking.

Oltre 2,7 milioni di conti correnti intestati a stranieri. In dettaglio, secondo il Rapporto, sono oltre 2,7 milioni i conti correnti depositati in banche italiane e intestati a cittadini stranieri, mentre la percentuale di immigrati adulti che sono residenti in Italia e sono titolari di un conto corrente è pari al 75%. Di questi, uno straniero su due accede ai vari servizi bancari tramite web, uno su tre, invece, utilizza per effettuare operazioni finanziarie lo smartphone o il tablet. L’integrazione sul territorio, dunque, si fa sempre più spiccata e aiuta ad accrescere la capacità di cogliere al volo le offerte dei vari strumenti finanziari, non ultimi i prestiti personali.

+38% di carte con iban intestato a immigrati. Secondo l'Abi, “le carte con iban a cui non corrisponde un conto corrente depositato presso la stessa banca hanno superato il milione. Non solo: tra il 2015 e il 2016 è aumentato del 38% il numero delle carte con iban intestate a cittadini immigrati, registrando, nel periodo 2011-2016, un tasso medio annuo di crescita del 27%”.

Cresce del 70% la richiesta di prodotti d'investimento. Aumenta il ricorso a prodotti e servizi diversi, compresi investimenti e protezione. La componente assicurativa, per esempio, cresce del 50%, quella legata a prodotti d'investimento aumenta del 70%. Significativa, inoltre, è la diffusione dell'internet banking, usato dal 53% dei correntisti immigrati. “Una conferma - scrive l’Abi nella sua nota - del rapido processo di adeguamento dei migranti che accedono alla rete e della preferenza di una multi-canalità che consenta di avere flessibilità senza limiti di tempo o luogo”.

Immigrati sempre più consapevoli dei servizi bancari. Gli stranieri, sempre secondo il report, si dimostrano sempre più informati e sempre più esigenti. “Si rafforza l’inclusione finanziaria di nuovi cittadini stranieri - si legge nella nota dell'Abi - e si struttura sempre meglio la loro presenza sul territorio italiano. E' molto cresciuto il livello di consapevolezza, negli ultimi anni, tanto da renderli sempre di più soggetti attivi di fronte alle molteplici offerte di servizi e di prodotti del mondo bancario. Una sempre maggiore conoscenza, unita alla fiducia reciproca, nel rapporto con le banche, ma anche un processo consolidato di inclusione economica e sociale di questa parte significativa di popolazione straniera, stanno comportando l'evoluzione nei comportamenti finanziari, che divengono sempre più assimilabili ai comportamenti della clientela italiana, confermando certe caratterizzazioni significative che li distinguono, ponendo nuove sfide al mondo bancario”.

Vota la news :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Altre news

Prestiti: ottieni fino a 75.000€ Confronto Prestiti »

Scrivi un commento

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Franco Canevesio, nato a Genova, è un giornalista professionista la cui attività è principalmente focalizzata su temi di economia e borsa.

Ha lavorato a La Repubblica, nei primi anni ’90, dedicandosi alla cronaca e collaborando, nello stesso periodo, con diverse televisioni private liguri. Trasferitosi a Milano, ha lavorato come capo redattore di Italia-iNvest.com, il primo sito specializzato in economia in Italia. Franco Canevesio ha anche lavorato al sito di Giuseppe Turani “Lettera finanziaria”. Per ciò che concerne la carta stampata ha collaborato con La Repubblica – Affari & Finanza ed è stato redattore capo di Finanza e Mercati. Attualmente, lavora presso MF-Milano Finanza.

Cerca