02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Credito e Consumi

Blog - Cosa è il consolidamento debiti

Pubblicato il 15 giugno 2017

Quali vantaggi offre il consolidamento debiti

Troppi prestiti in corso e, dunque, troppi segni meno nel bilancio mensile? Mettere ordine nei conti di casa si può. Una via d’uscita per ridurre il numero delle rate si chiama consolidamento debiti. Non è chissà quale procedura, ma il nome di un vero e proprio prestito che consente a chi lo riceve di estinguere tutti i finanziamenti in corso sostituendoli, di fatto, con uno solo. Il finanziamento per consolidamento debiti funziona in questo modo: il debitore bussa allo sportello di una banca o di una finanziaria esponendo la sua situazione e la sua richiesta; il creditore esamina il fascicolo facendo un’attenta valutazione sull’affidabilità del debitore; se quest’ultimo supera l’esame convincendo la controparte della solidità del suo merito creditizio, ottiene il prestito, che può usare per estinguere i suoi debiti rimborsandolo poi a rate. E se la sua situazione lo consente, può anche ottenere un po’ di liquidità in più, che ovviamente dovrà poi restituire con tanto di interessi. Non solo: l’occasione è propizia anche per concordare un piano di rientro più lungo, associato a rate più basse e, quindi, più sostenibili.

Attenzione, però: l’allungamento del piano di restituzione del prestito comporta un incremento degli interessi da pagare al creditore. Dunque si spende meno nel mese ma di più nel complesso. Inoltre l’istruttoria e la valutazione da parte del nuovo creditore richiedono tempo perché quest’ultimo deve chiedere e poi aspettare la documentazione relativa ai prestiti da estinguere con i vari conteggi. Restano fermi i pro: oltre all’alleggerimento delle rate, il consolidamento debiti consente anche, come accennato, di semplificare la colonna delle uscite nel proprio bilancio familiare mensile. In più, non sono richiesti requisiti eccezionali: non conta il tipo di debiti precedenti - dunque non importa che siano prestiti personali, prestiti finalizzati o mutui - né se sono stati contratti presso la stessa società o con banche e finanziarie differenti; l’unica cosa che davvero importa è la valutazione del merito creditizio del richiedente effettuata dal creditore. Non occorrono garanzie reali, ossia pegni o ipoteche. Potrebbe però essere richiesta - se l’importo è particolarmente elevato - la firma di una terza persona che faccia da garante.

Anche il consolidamento debiti, essendo un prestito, si può estinguere - qualora si abbia la possibilità di farlo - in anticipo rispetto ai termini concordati con il creditore. Per poter procedere all’estinzione anticipata bisogna ovviamente pagare tutta la somma che resta da rimborsare. La penale, per legge, non può superare l’1% dell’importo finanziato. Infine, dato che il consolidamento debiti è un prestito a tutti gli effetti, per orientarsi nella scelta della soluzione più consona al caso specifico, valgono i suggerimenti e le indicazioni che in generale si danno a chiunque sia alla ricerca di un finanziamento: considerare innanzitutto le proprie possibilità e le entrate che è ragionevole prevedere nell’arco di tempo del piano di restituzione rateale, e poi il costo del finanziamento stesso, espresso dal Tan, il Tasso annuo nominale, e soprattutto dal Taeg, il Tasso annuo effettivo globale, che include i costi di attivazione della pratica e la polizza assicurativa.

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Credito e Consumi
blog di Maria Paulucci

Nata a Rieti, gli studi universitari a Roma, a Milano dal 2006. Dal 2007 al 2011 ha lavorato in Class CNBC, canale televisivo di economia e finanza del gruppo Class Editori. Nell'agosto del 2011 si è unita alla squadra di Blue Financial Communication. A dicembre 2017 è iniziata la sua esperienza in AdviseOnly.

Cerca