Rid

Pubblicato il 12 novembre 2020

Rid sta per "Rapporto Interbancario Diretto" ed è un sistema di pagamento . E' il prelievo automatico dal conto corrente di un importo stabilito in precedenza e il suo conseguente accredito in un altro conto corrente. 

Si tratta di una modalità interbancaria standard di pagamento e incasso, usata anche nel caso di finanziamenti. In questo caso il cliente di una banca che ha contratto un prestito, può indicare tramite un modulo, di autorizzare un bonifico verso un soggetto (il creditore, che sia una banca o un ente finanziario) dell'importo stabilito, senza necessità di autorizzare il passaggio di volta in volta.

Come si chiama adesso il RID?

Dal 2014 il Rid bancario è stato sostituito dal Single Euro Payments Area, il cosiddetto SEPA. Le funzioni del servizio rimangono le medesime, oltre ad ampliare l'area di incasso anche ai Paesi dell'Unione Europea.

Come funziona

Il Rid bancario è, come anticipato, una forma di incasso del credito offerto dalla banca ai propri clienti titolari di un conto corrente.

Affinchè il Rid sia valido, è necessario che il documento sia firmato dal correntista. Questo dovrà essere compilato in tutte le sue parti e dovrà contentere anche i riferimenti (numero, data di emissione, data di scadenza) del documento d'identità del richiedente del Rid.

Inoltre è importante sottolineare che in caso di mancati addebiti per più di 36 mesi il mandato decade in automatico. Questo significa che a partire da questo momento l'istituto di credito non sarà più autorizzato ad effettuare gli addebiti sul conto corrente del cliente.

Documenti per richiedere il Rid

Per richiedere il Rid alla propria banca è necessario essere in possesso dei seguenti documenti:

  • IBAN del titolare del conto corrente
  • i dati identificativi del correntista
  • copia di un documento d'identità del correntista
  • i dati identificativi dell'istituto di credito
  • i dati identificativi della società creditrice

Come annullare un addebito su conto corrente

Per sospendere il Rid, in via temporanea o definitiva, il correntista deve inviare una richiesta scritta di revoca alla propria banca. L'annullamento del Rid bancario può essere richiesto inoltre in qualsiasi momento.

Vota la voce del glossario :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Forse ti interessa anche...

Visualizza tutto il glossario

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.