02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Tasso variabile

Tasso variabile

28 ottobre 2011

Il prestito o mutuo sono detti a tasso variabile quando la misura per il calcolo degli interessi cambia nel tempo, seguendo l'andamento del costo del denaro. Si tratta di una revisione periodica che  viene effettuata a seconda della periodicità dei pagamenti: se si tratta di scadenze mensili sarà mensile, se annuali sarà annuale. In questo caso non si sa con certezza l'entità dei versamenti periodici e quanto costerà alla fine l'operazione.

D'altro canto, la misura del tasso variabile è inferiore rispetto al tasso fisso. Anzi, a parità di condizioni (scadenza e importo erogato) la quota di versamento  iniziale a tasso variabile risulta più bassa. Bisogna però fare molto bene i conti con il proprio reddito a disposizione. L'esperienza insegna che chi sceglie il variabile a tassi particolarmente bassi, deve essere pronto a un eventuale rialzo dei pagamenti, anche brusco.

Vota la voce del glossario :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.