02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Credito e Consumi

Blog - Saltare una rata, a volte si può

Sospendere il prestito

17 aprile 2012

Solo i pagamenti regolari permettono di ottenere condizioni di maggiore vantaggio, come gli eventuali sconti per chi è puntuale nel rimborso. Ma in situazioni di forte difficoltà, con la pressione della crisi economica, può essere utile posticipare una o più rate del prestito che stiamo rimborsando, in modo del tutto legale e senza esserne penalizzati: questa possibilità viene concessa, a determinate condizioni, dalle banche o società finanziarie per dare ai clienti un momento di respiro utile a rimettersi in sesto. Ecco alcuni esempi utili per gestire un prestito in modo flessibile, anche con l’eventuale modifica delle rate.

L’opzione Salto Rata di Findomestic (prestito personale Come Voglio, in promozione fino al 30 aprile compilando il modulo online) può essere attivata online o via SMS dal consumatore stesso, se ha già rimborsato almeno sei rate. Questa possibilità - non compatibile con il Cambio Rata se richieste entrambe nello stesso mese - si rivolge a chi è in regola con i pagamenti mensili e li effettua tramite addebito diretto (RID) sul conto corrente bancario. La rata viene quindi “spostata” al termine del periodo di rimborso, allungandone la durata. Il contratto stipulato con la finanziaria indica il numero massimo di richieste di rinvio della la rata e il periodo di tempo minimo tra un salto e l’altro.

Nel caso di Unicredit (linea di prestiti personali Credit ExpresS) la banca consente un Salto Rata per ciascun anno solare, dopo aver pagato le prime nove rate. Per le richieste successive il tempo minimo da attendere è invece di sei rate. Le altre possibilità per “adattare” il prestito a situazioni di contingenza sono il Cambio Rata, che permette di variare l’importo all’interno di un minimo e massimo. Oppure, la Ricarica Prestito per chi ha bisogno di nuove somme, che non potranno però essere superiori a quanto già rimborsato “in linea capitale” (al netto degli interessi maturati) al momento della richiesta. In quest’ultimo caso, il tetto massimo è di tre ricariche. Per accedere al servizio, devono essere state già pagate almeno 24 rate.

Il Salto Rata e la modifica dell’importo sono possibili anche per i clienti Fiditalia (prestito Già Pagato) marchio di proprietà della francese Société Générale. Creditopplà Flessibile del gruppo Ubi Banca offre due opzioni: il posticipo della rata (è possibile rinviarne una su dodici) o in alternativa il “differimento di inizio rimborso” (le rate iniziano sei mesi dopo l’erogazione del credito). Il gruppo Intesa SanPaolo si avvale della finanziaria controllata Moneta Spa per erogare il Prestito Multiplo: anche in questo caso il cliente ha un semestre di vantaggio, dopo aver ricevuto il denaro richiesto, oppure potrà posticipare una rata per ciascun anno solare, dopo averne pagate almeno 12.

La richiesta va inviata per iscritto pagando una commissione di 25 euro, entro il 13 del mese precedente alla scadenza da saltare. È possibile mettere in coda una rata mensile, senza costi aggiuntivi, anche con la linea di prestiti Tuttofare di Consum.it del Gruppo MPS (Monte dei Paschi di Siena) che permette anche di iniziare a pagare le rate dopo due mesi dall’erogazione.

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Credito e Consumi
blog di Andrea Paternostro

Palermitano, giornalista professionista, si occupa di divulgazione economica e tecnologica. Ha conseguito un Master incentrato sui temi della Business Intelligence e della Governance presso l’Università Bocconi di Milano. Fra le testate per cui lavora o con cui ha collaborato: il Sole24Ore, VostriSoldi, Italpress.

Andrea Paternostro cura il blog Credito e Consumi per Prestiti.it e pubblica ogni settimana un approfondimento a tema finanziario sugli argomenti di maggiore utilità per gli utenti intenzionati a richiedere un prestito alle banche. Segui Andrea sui social network più famosi.

Cerca