02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Credito e Consumi

Blog - Prestiti, quando la finanziaria si fa app

Pubblicato il 16 dicembre 2013

Sempre più diffuse le app per i prestiti

In principio era lo sportello. Poi è arrivato il web. E oggi ci sono i device, ossia tablet e smartphone. Se per accedere al credito le famiglie devono ancora passare per il sistema bancario e finanziario, vigilato dalla Banca d’Italia, per arrivare ai clienti le società non possono più limitarsi ad accoglierli presso più o meno confortevoli uffici. Già da qualche anno banche e finanziarie hanno dovuto ingegnarsi attrezzandosi di un presidio online: un sito web attraverso il quale fornire le prime informazioni e dotato di un sistema che consente un confronto e una valutazione preliminari delle offerte. Ma adesso nemmeno l’online basta più. Usi e consumi sono troppo cambiati. Secondo un recente sondaggio Confesercenti-Swg, il 27% degli italiani - stessa percentuale del 2012 - regalerà qualcosa di hitech ad amici e parenti per Natale. Sempre più da protagonistail ruolo di smartphone e tablet: sei italiani su dieci compreranno ai loro cari proprio un dispositivo mobile.

Insomma, il personal computer non è più l’unico strumento per accedere alla galassia del web. Immaginate: dieci o anche solo cinque anni fa al massimo avevamo un laptop, cioè un pc portatile, che ci accompagnava nei nostri spostamenti. In seguito sono arrivati i dispositivi leggeri: prima i nuovi smartphone, i cellulari intelligenti targati Apple, poi i tablet. E l’accesso in mobilità è diventato sempre più agevole. Così, oggi le aziende non sono più solo online con i loro siti: tutto il mercato sta procedendo a passo svelto verso la prossima tappa evolutiva, che è quella digitale. Per non restare indietro, anche le banche e le finanziarie si stanno aprendo un varco verso i nuovi dispositivi. E questo varco ha un nome: app.

Chi ha uno smartphone o un tablet sa come funziona: la società propone la sua app, che se si vuole si può scaricare sul telefono o sulla “tavoletta” per poi poter usufruire dei servizi proposti. Qualche esempio? Eccolo. Findomestic, società del gruppo francese Bnp Paribas, ha un sito web con tutte le informazioni su prodotti e servizi. Questo sito consente di accedere al prestito online e alle soluzioni di risparmio. Ma la finanziaria ha anche un apposito sito per smartphone, da cui in pratica si può fare tutto quello che si fa dal pc, e un’app che aiuta, fra l’altro, a individuare l’agenzia Findomestic più vicina e a simulare la richiesta di un prestito personale.

Non solo Findomestic. Ad aprile Agos Ducato ha fatto sapere che è disponibile negli store digitali di Apple e Googlel’appper iPhone, iPad e dispositivi Android. L’applicazione comprende uno strumento per simulare la rata del prestito, uno per scovare la filiale Agos Ducato più a portata di passo e per domandare un appuntamento e un’area riservataa chi ha già prodotti Agos Ducato e vuole monitorare i servizi attivati. Da Compass, gruppo Mediobanca, è arrivata invece tempo fa l’app per smartphone della carta di credito Carta Viva Web, pensata per gli acquisti online. L’applicazione, valida tanto per Android quanto per iPhone con iOS, prevede anche l’opzione “calcolo rata”, che si può adoperare per stabilire la cifra da rateizzare e il numero delle rate.

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Credito e Consumi
blog di Maria Paulucci

Nata a Rieti, gli studi universitari a Roma, a Milano dal 2006. Dal 2007 al 2011 ha lavorato in Class CNBC, canale televisivo di economia e finanza del gruppo Class Editori. Nell'agosto del 2011 si è unita alla squadra di Blue Financial Communication. A dicembre 2017 è iniziata la sua esperienza in AdviseOnly.

Cerca