02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Mondo prestiti

Workers buyout, così si salvano le aziende

Pubblicato il 28 luglio 2016
In Campania con un prestito i lavoratori salvano l’azienda

Fenomeno in aumento e nuovi regolamenti nelle regioni italiane

In Campania un nuovo fondo consentirà ai lavoratori delle imprese in difficoltà di intervenire direttamente per rilevare l’attività grazie a un sistema di prestiti agevolati
Il fenomeno chiamato “workers buyout” non è nuovo e consiste nel salvataggio di un’impresa da parte dei dipendenti che ci hanno lavorato. Utilizzando i propri risparmi, oppure facendo ricorso a un prestito personale oppure al Tfr o all’indennità di mobilità, i lavoratori, unendo le forze tra loro, possono acquistare la proprietà dell’intera società o solo di una sua parte. 
Tecnicamente gli stessi dipendenti possono sia acquistare, sia prendere in affitto l'impresa  in crisi, costituendo una cooperativa e scongiurando, così, la chiusura dell'azienda e il licenziamento.
Dall’ inizio della crisi economica anche il nostro Paese ha registrato la crescita di questo fenomeno e tra il 2007 e il 2014 si è passati da 81 a 122 casi, con un balzo in avanti del 50%, secondo i dati del rapporto “Le imprese recuperate in Italia”, redatto nel 2015 da Euricse, l’istituto europeo di ricerca sull’impresa cooperativa e sociale. 
Ed è proprio sulla scia del buon esito di molte operazioni di salvataggio a cura degli stessi dipendenti che la Giunta della Regione Campania ha approvato, con la delibera numero 353 dello scorso sei luglio, un piano che intende promuovere misure di finanziamento agevolato non solo per i workers buyout ma più in generale per l'auto imprenditoria, al fine di reinserire i lavoratori disagiati, in cassa integrazione ordinaria e straordinaria, oppure coinvolti in processi di ristrutturazione aziendale, e i lavoratori assunti con contratti atipici.
Tutte queste categorie potranno attingere da un fondo rotativo che avrà una dotazione finanziaria di un milione di euro e che consentirà sia di erogare prestiti agevolati finalizzati al versamento del capitale sociale, necessario a dare avvio a una nuova impresa, sia di sostenere le operazioni di “workers buyout” anche di cooperative sociali. 

Vota la news :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Altre news

Scrivi un commento

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Rosaria Barrile, giornalista professionista nata a Milano e laureata in Scienze Politiche, ha iniziato nel 2004 ad occuparsi di prodotti e servizi bancari e assicurativi per conto di un periodico specializzato e da allora non ha mai smesso.

In passato ha collaborato, tra gli altri, con il settimanale Soldi, la testata on line Etica News e il portale dedicato alle donne alfemminile.com. Ha condotto i servizi esterni della trasmissione Salvadenaro, programma di educazione finanziaria andato in onda sul canale 7Gold. Collabora attualmente con le testate on line Lamiafinanza.it, Lamiafinanza-green.it, Lamiaprevidenza.it, Banca e Mercati, e i mensili Largo Consumo e Bluerating.

Cerca