02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Mondo prestiti

14 settembre 2016

News - Rapporto Consob su ricchezza e famiglie

Europa e Italia: la crescita della ricchezza delle famiglie

La ricchezza cresce in Europa ma stenta in Italia

In Europa è in crescita la ricchezza delle famiglie, quella che in Italia stenta parecchio. Questo è il quadro tracciato dal rapporto Consob sugli investimenti finanziari delle famiglie italiane, in via di ripresa, come vedremo, soprattutto per merito dei prestiti personali e dei finanziamenti. Secondo lo studio, mentre “la ricchezza delle famiglie dell'Eurozona, nel 2015, è aumentata del 3,2% essa, in Italia, è rimasta sostanzialmente, con un +0,4% registrato lo scorso anno”. Nel nostro Paese, fa presente Consob, l'aumento del 5,2% delle attività finanziarie è stato controbilanciato da una riduzione del 3% delle attività reali.

Fondi comuni in recupero. Secondo la Consob, nell'area euro, “la maggiore percezione del rischio e il minor interesse per investimenti finanziari orientano le preferenze delle famiglie verso i prodotti liquidi, verso prodotti assicurativi e fondi pensione, determinando la contrazione del peso sia di azioni che di obbligazioni”. In Italia, sostiene Consob, si registra un andamento simile, con i fondi comuni in recupero.

La ripresina dei prestiti. Più o meno stessa musica con le passività finanziarie. Nell'Eurozona, infatti, la posizione delle famiglie resta solida, con un'incidenza del debito su attività finanziarie pari al 32% (in Italia al 23%) e sul pil al 61% (in Italia al 43%). Buone notizie, invece, dai prestiti bancari alle famiglie che, sostiene Consob, “dopo la contrazione degli anni precedenti, si mostra in recupero dalla fine del 2014, per merito del contributo positivo dato dall'offerta della domanda e dalla diminuzione costante dei tassi sui prestiti bancari, prestiti personali compresi.

Europa a due velocità. Le differenze tra area Euro e Italia sono ulteriormente specificate proprio da Consob, secondo cui “il rafforzamento della situazione economica delle famiglie dell'area Euro, testimoniato da ripresa dell'occupazione e da aumento del reddito disponibile, a partire dal 2013, va di pari passo al costante miglioramento del sentiment degli analisti e al ritorno del tasso di risparmio ai livelli pre-crisi, quelli del 13%”. E in Italia? L'Italia, sottolinea Consob, “mostra un andamento analogo a quello dell'Eurozona”, con qualche diferenza però: la principale è che “il tasso di risparmio rimane al di sotto dei valori di lungo periodo e segna un crescente divario rispetto alla media europea”. Due pesi e due misure, dunque, con un 10% fatto segnare dal tasso a livello europeo a fine 2015 e un 13% italiano.

Vota la news :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Altre news

Scrivi un commento

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Franco Canevesio, nato a Genova, è un giornalista professionista la cui attività è principalmente focalizzata su temi di economia e borsa.

Ha lavorato a La Repubblica, nei primi anni ’90, dedicandosi alla cronaca e collaborando, nello stesso periodo, con diverse televisioni private liguri. Trasferitosi a Milano, ha lavorato come capo redattore di Italia-iNvest.com, il primo sito specializzato in economia in Italia. Franco Canevesio ha anche lavorato al sito di Giuseppe Turani “Lettera finanziaria”. Per ciò che concerne la carta stampata ha collaborato con La Repubblica – Affari & Finanza ed è stato redattore capo di Finanza e Mercati. Attualmente, lavora presso MF-Milano Finanza.

Cerca