02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Mondo prestiti

Prestito online: occhio ai social

Pubblicato il 10 dicembre 2018
Prestiti: occhio ai social

L'affidabilità creditizia dei clienti passa anche dai social network

Sono sempre di più gli italiani che scelgono di richiedere una prestito online: vuoi per la praticità di queste possibilità che consentono di ottenere una cifra extra nell’arco di poche ore, vuoi per l’offerta sul web sempre più competitiva che permette di individuare più semplicemente i prodotti in promozione, le performance del comparto digitale evidenziamo un andamento progressivamente in crescita di mese in mese.

Ma se è risaputo che prima di concedere un prestito le finanziarie verificano l'affidabilità creditizia dei richiedent in apposite banche dati, pochi considerano che, grazie all’AI e ai Big Data, si sono moltiplicate le possibilità di raccogliere informazioni sui potenziali clienti, anche attraverso canali alternativi come, ad esempio, i social network. 

Secondo un articolo diffuso solamente qualche giorno fa su Agenzia Digitale ciò che si pubblica sui social potrebbe arrivare a compromettere la nostra affidabilità creditizia: dalla cronologia dei profili consultati alla rete di amicizia, la richiesta di prestito online può essere a rischio. Tutte queste informazioni andranno così ad influire sull’algoritmo che determinerà o meno l’accettazione della richiesta, in modo automatico; così facendo eventuali incongruenze potrebbero costare caro. Stando ai numeri, sono sempre di più gli istituti bancari che decidono di investire somme anche consistenti su questo fronte come, giusto per fare un esempio, Ing che solamente qualche mese fa ha messo a budget 300 milioni di dollari in una startup americana specializzata in questo campo. E la privacy? La questione è alquanto complessa, soprattutto se si considera che spesso i  trattamenti di dati analizzati dagli algoritmi vengono effettuati negli Stati Uniti, che sul tema presenta una disciplina meno "rigida" di quella europea. Il nuovo Regolamento Europeo, invece, stabilisce nuove regole in materia di protezione dei dati personali e privacy; non resta dunque che attendere le decisioni delle autorità anche in campo di finanziamenti online e i dettagli che gli istituti potranno tenere in considerazione in fase di valutazione della richiesta.
 

Vota la news :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Altre news

Scrivi un commento

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Francesca Lauritano, dopo una formazione iniziale di stampo umanistico ha deciso di indirizzare i suoi studi nel campo della comunicazione e del marketing attraverso un Master in Comunicazione d'Impresa.

Un percorso lavorativo variegato e trasversale: da archeologa a community manager, attualmente si sta occupando di ufficio stampa e media relations. Parallelamente sta approfondendo i suoi interessi per ciò che riguarda la comunicazione sul web e sui social.

Cerca