02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Mondo prestiti

5 maggio 2015

News - Prestiti, condizioni più vantaggiose dopo l’intervento della Bce

Le prime stime sugli effetti delle misure europee volte a incoraggiare il credito

Quantitative Easing e prestiti

Il piano di acquisto di bond sovrani, il cosiddetto Quantitative easing (Qe), annunciato lo scorso 22 gennaio dalla Bce comincia a dare i primi frutti. Il programma, che da marzo 2015 a settembre 2016 prevede l’acquisto di circa 950 miliardi di euro in debito pubblico dei Paesi dell’area euro, ha in prima battuta reso le condizioni dei prestiti più vantaggiose, favorendone la richiesta.

Secondo le stime della Banca d'Italia, contenute in uno studio sul programma Bce nella collana “Questioni di Economia e finanza”, nel breve periodo dovrebbe verificarsi una diminuzione di circa 20 punti base del costo medio dei nuovi prestiti erogati alle imprese e di 35 punti base di quelli destinati alle famiglie. Come spiega Bankitalia infatti, il costo dei prestiti a tasso fisso reagisce rapidamente alla discesa dei tassi di interesse a lungo termine, che maggiormente risentono degli acquisti di titoli, riducendosi in misura quasi identica.

Secondo un sondaggio compiuto dalla Banca Centrale Europea riguardante i finanziamenti delle banche dell’Eurozona, le erogazioni di prestiti sarebbero inoltre già in aumento, ed è attesa una crescita ancora maggiore per i prossimi mesi.

Il sondaggio, condotto fra il 6 e il 23 marzo, mostra che tra le banche è diffusa la convinzione che nel secondo trimestre del 2015 vi sarà un grande incremento nella domanda di prestiti. Nello specifico sono attese condizioni meno restrittive sia per i prestiti destinati ad attività imprenditoriali, sia ai privati. Le stesse aspettative vengono riportate anche dal bollettino trimestrale di Bankitalia, secondo cui nel primo trimestre i criteri di offerta sono diventati più favorevoli anche a causa dell’aumento della liquidità delle banche.

Sempre secondo il bollettino, nell’ultimo trimestre sono stati ridotti i tassi applicati ai finanziamenti ed è leggermente aumentato l’importo concesso alle imprese. Per quanto riguarda invece il trimestre in corso, dovrebbero migliorare le condizioni riservate alle imprese, mentre quelle per i prestiti alle famiglie dovrebbero restare simili a quelle del periodo precedente.

Vota la news :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Altre news

Scrivi un commento

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Rosaria Barrile, giornalista professionista nata a Milano e laureata in Scienze Politiche, ha iniziato nel 2004 ad occuparsi di prodotti e servizi bancari e assicurativi per conto di un periodico specializzato e da allora non ha mai smesso.

In passato ha collaborato, tra gli altri, con il settimanale Soldi, la testata on line Etica News e il portale dedicato alle donne alfemminile.com. Ha condotto i servizi esterni della trasmissione Salvadenaro, programma di educazione finanziaria andato in onda sul canale 7Gold. Collabora attualmente con le testate on line Lamiafinanza.it, Lamiafinanza-green.it, Lamiaprevidenza.it, Banca e Mercati, e i mensili Largo Consumo e Bluerating.

Cerca