02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Mondo prestiti

Pagamenti, prestiti e polizze sempre più digital

Pubblicato il 24 dicembre 2018
Italiani sempre più amanti del web

Internet sempre più addentro alle nostre abitudini di consumatori

Li usiamo tutti i giorni ma difficilmente siamo consapevoli di contribuire alla crescita del fintech o dell’insurtech. Eppure i servizi finanziari, bancari e assicurativi vengono sempre più utilizzati per comodità e velocità sia attraverso smartphone che da pc.

Secondo le statistiche In Italia sono ormai 11 milioni gli utenti che hanno provato almeno uno dei servizi fintech o insurtech, pari al 25% della popolazione italiana fra i 18 e i 74 anni con una crescita del 54% rispetto ad un anno fa, quando la percentuale si attestava sul 16%. A rivelarlo è l’Osservatorio Fintech & Insurtech della School of Management del Politecnico di Milano che ha cercato di fornire un quadro complessivo di questa tendenza.

Il principale servizio utilizzato dagli utenti internet è il pagamento in mobilità (16%), seguono i servizi per gestire il budget personale o familiare (15%) e i trasferimenti istantanei di denaro tra privati (12%).

In generale tutti i servizi fintech & insurtech suscitano molto interesse e gradimento: la possibilità di gestire i sinistri da smartphone ha ottenuto un voto medio dagli interpellati di 9,6 su 10, l’attivazione di polizze di assicurazione istantanee l’8,9 alla pari con l’accesso a un prestito personale o un altro tipo di finanziamento da smartphone o Pc.

Per l’offerta assicurativa via internet le funzioni più importanti indicate dagli utenti sono la possibilità di ricevere un avviso relativo alla scadenza della polizza (51%), di controllare le informazioni relative alle coperture (44%) e di gestire più semplicemente gli eventuali sinistri (39%).

Per i prodotti assicurativi la preferenza degli italiani è netta: ben il 78% si affiderebbe e società assicurative per il ramo salute. Discorso diverso invece per i giovani: il 14% sceglierebbe le banche, il 13% le associazioni di categoria, il 9% i servizi postali, le grandi società di tecnologia o le startup, il 5% gli operatori di telefonia, il 4% i siti di e-commerce e l’1% i produttori di smartphone o le catene di supermercati.

Ma per quanto riguarda la gestione dei risparmi si conferma il livello di fiducia di cui ancora godono gli attori tradizionali rispetto alle società fintech: la maggioranza degli italiani si rivolgerebbe a banche (65%) e operatori postali (56%) mentre nel caso dei giovani di età compresa tra 16 e 24 anni le preferenze sono il 53% e il 52% contro il 67% e 59% nel caso degli over 55.

Vota la news :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Altre news

Scrivi un commento

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Rosaria Barrile, giornalista professionista nata a Milano e laureata in Scienze Politiche, ha iniziato nel 2004 ad occuparsi di prodotti e servizi bancari e assicurativi per conto di un periodico specializzato e da allora non ha mai smesso.

In passato ha collaborato, tra gli altri, con il settimanale Soldi, la testata on line Etica News e il portale dedicato alle donne alfemminile.com. Ha condotto i servizi esterni della trasmissione Salvadenaro, programma di educazione finanziaria andato in onda sul canale 7Gold. Collabora attualmente con le testate on line Lamiafinanza.it, Lamiafinanza-green.it, Lamiaprevidenza.it, Banca e Mercati, e i mensili Largo Consumo e Bluerating.

Cerca