02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Mondo prestiti

Istat, i prezzi al consumo aumentano più dei redditi

Pubblicato il 13 gennaio 2020
Istat, i prezzi al consumo aumentano più dei redditi

In crescita dello 0,2% rispetto a novembre e dello 0,5% su base annua

Crescono i prezzi al consumo nel mese di dicembre. L'incremento, afferma l'Istat, è dello 0,2% rispetto a novembre e dello 0,5% su base annua. A sostenere l'inflazione di dicembre sono stati soprattutto i cosiddetti “beni energetici non regolamentati”, cioè il gas e l'energia elettrica che finiscono nelle bollette domestiche; crescono anche i prezzi dei trasporti (+0,9%) e dei beni alimentari.

Si tratta comunque di un'inflazione debole: nel 2019, la crescita media dei prezzi è stata dello 0,6%. Ha quindi viaggiato a un ritmo medio dimezzato rispetto all'anno precedente. In generale, i prezzi dei beni sono rimasti piatti rispetto all'anno precedente e hanno accusato una flessione rispetto a novembre. Differisce in parte l'andamento per beni durevoli, sui quali si concentrano crediti al consumo e piccoli prestiti: i prezzi sono piatti se confrontati al mese precedente e in calo su base tendenziale. In direzione contraria i prezzi dei servizi, che continuano ad aumentare a un ritmo più sostenuto. Su base annua, i beni alimentari, per la cura della casa e della persona sono aumentati dello 0,8%. Lievitano anche i prezzi dei prodotti ad alta frequenza d’acquisto (+1,1%). In entrambi i casi, quindi, registrano una crescita più sostenuta di quella riferita all’intero paniere. Sono gli articoli che costituiscono il cosiddetto “carrello della spesa”, cioè quello che una famiglia media tende a comprare più spesso. Secondo Federconsumatori, gli aumenti si traducono in un aggravio di 148 euro l'anno a famiglia, per un terzo derivante dai rincari nel settore alimentare.

Il problema, però, non è tanto l'inflazione (che, anzi, è ancora bassa rispetto ai livelli che un Paese in salute economica dovrebbe avere); il punto è che i prezzi avanzano con lentezza, ma ad un ritmo comunque superiore rispetto ai redditi. “Nel terzo trimestre 2019 - spiega Federconsumatori - la spesa per i consumi si è rivelata più alta rispetto al reddito disponibile. Una rilevazione che purtroppo non ci sorprende, visto che si tratta di un andamento che segnaliamo da tempo: già nel report su redditi e consumi realizzato dall’Osservatorio Nazionale Federconsumatori abbiamo evidenziato che nel quinquennio 2013-2018 il reddito medio è cresciuto del 4,4% (3,8% al netto dell’inflazione) a fronte di un aumento della spesa del 6,4%. Ciò significa che il potere di acquisto continua a ridursi e che diventa quindi sempre più difficile sostenere le spese quotidiane”.

Vota la news :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Altre news

Prestiti: ottieni fino a 75.000€ Confronto Prestiti »

Scrivi un commento

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Paolo Fiore, giornalista professionista e leccese in trasferta: Bologna, Roma, New York, Milano. Dopo la Scuola di giornalismo Walter Tobagi, ha scritto per Affaritaliani, MF-Milano Finanza, l'Espresso, Startupitalia e Skytg24.it. Si occupa di economia e innovazione per Agi, FocuSicilia e collabora con il gruppo Rcs.

Cerca