02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Mondo prestiti

20 aprile 2016

News - I soldi si muovono online

Continua l'impennata dello sviluppo in rete di banche e istituti di credito

Internet e banca, la grande alleanza

Internet si sta dimostrando grande alleato di famiglie e imprese, soprattutto in campi specifici come quello assicurativo o quello creditizio. Anzi, si può già dire che l'impatto del web e quello delle nuove tecnologie sia ormai accertato come fondamentale in campi come i finanziamenti, prestiti personali compresi. Oggi, infatti, si possono trovare prestiti online a erogazione immediata a condizioni particolarmente vantaggiose rispetto a quelle che vengono in genere offerte in filiale. Un recente studio di PriceWaterhouseCoopers sostiene che “lo sviluppo di nuove tecnologie e, al contempo, l’evoluzione multicanale stanno permettendo alle banche di adottare modelli distributivi alternativi e meno costosi rispetto a quelli basati sulle filiali, destinate a diventare il secondo canale più utilizzato dai clienti (con un calo approssimativo del 25% entro quest'anno) preceduto solo dall’online banking”. Non è tutto. Sempre lo studio PwC riporta che “a livello tecnologico, la diffusione crescente di internet ha modificato le abitudini della clientela: il numero dei consumatori digitali, per esempio, cioè di quelli che usano di frequente la rete, già nel 2012 ha superato i consumatori tradizionali. Solo in Italia, secondo PwC, si stima una penetrazione dell'online banking del 60% entro il 2020. “Il cliente bancario digitale - sottolinea il report - percepirà la filiale bancaria come uno dei canali a disposizione, tramite il quale eseguire operazioni routinarie, sfruttando l’aspetto relazionale per acquistare prodotti più complessi”. 

Sempre più web. Non a caso, sono sempre di più le banche che erogano prodotti a condizioni particolari proprio ai clienti che usano internet. Il vantaggio dei prestiti online, dicono gli esperti, è legato alla riduzione dei costi, visto che tramite la rete è poissibile erogare finanziamenti, come prestiti personali, a costi inferiori rispetto a quelli che avrebbero se gli stessi venissero erogati in filiale. Non solo: è già ampiamente dimostrato che le banche che per prime hanno scommeso sul digitale stanno avendo dei vantaggi grossissimi sui loro competitor. In parecchi casi gli istituti di credito hanno creato brand appositi per gestire l'erogazione dei loro prodotti via web creando strutture più elastiche rispetto a quelle tradizionali: questo permette già ora di offrire prestiti personali online convenienti e quasi immediati, nell'arco di 24-48 ore dalla richiesta.

Prestiti immediati online. Addirittura da quest'anno alcune banche sono in grado di offrire ai loro clienti prestiti personali immediati, il cui funzionamento è semplice. In pratica, si applicano le regole già valide per i fidi bancari: all'atto dell'apertura di un  conto corrente il cliente fornisce i propri dati reddituali alla banca che analizza tutto e concede una linea di credito (da 10 mila euro, per esempio). Quando il cliente ha bisogno di soldi, si collega al suo conto tramite l'app del suo smartphone, e sblocca la somma necessaria. Si tratta, in pratica, del primo esempio italiano di prestito personale immediato che può essere richiesto in qualsiasi momento se ne abbia necessità tramite l'applicazione bancaria apposita su smartphone. 

Vota la news :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Altre news

Scrivi un commento

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Franco Canevesio, nato a Genova, è un giornalista professionista la cui attività è principalmente focalizzata su temi di economia e borsa.

Ha lavorato a La Repubblica, nei primi anni ’90, dedicandosi alla cronaca e collaborando, nello stesso periodo, con diverse televisioni private liguri. Trasferitosi a Milano, ha lavorato come capo redattore di Italia-iNvest.com, il primo sito specializzato in economia in Italia. Franco Canevesio ha anche lavorato al sito di Giuseppe Turani “Lettera finanziaria”. Per ciò che concerne la carta stampata ha collaborato con La Repubblica – Affari & Finanza ed è stato redattore capo di Finanza e Mercati. Attualmente, lavora presso MF-Milano Finanza.

Cerca