02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Mondo prestiti

9 dicembre 2016

News - Erasmus+ per chi vuole studiare fuori dall'Italia

L'UE migliora e proroga i finanziamenti per chi vuole studiare all'estero

Finanziamenti UE per studiare all'estero

In aumento le opportunità di finanziamento per i giovani che intendono proseguire il proprio percorso di studio all’estero attraverso un programma specifico di formazione. L’Unione Europea ha infatti recentemente rinnovato la possibilità di mettere a disposizione degli specifici prestiti personali agevolati, dall’evocativo nome Erasmus+, con l’obiettivo di facilitare coloro che desiderano concludere la propria formazione con un programma di studi dal carattere internazionale.
Nei fatti questa particolare tipologia di finanziamento è concessa a condizioni notevolmente favorevoli rispetto a quelle attualmente disponibili sul mercato: rispetto ad una tradizionale forma di prestito i tassi applicati sono decisamente competitivi, senza contare poi la maggiore semplicità di accesso a questa opportunità in quanto non vengono richieste le garanzie di base indispensabili per accedere a qualsiasi altra forma tradizionale di credito al consumo. 
Si tratta di un’opportunità riservata, almeno per il momento, esclusivamente agli studenti che, completato il proprio percorso di studi di livello superiore, desiderano investire maggiormente nella propria formazione attraverso un master in uno dei paesi aderenti a tale iniziativa (in tutto 33) che preveda il rilascio di un titolo riconosciuto.
Entriamo maggiormente nel dettaglio: questi particolari prestiti personali prevedono un importo massimo di 12.000 euro qualora il richiedente volesse accedere ad un master annuale mentre la cifra sale a 18.000 euro per i percorsi di studio di durata superiore (fino a due anni). Tali cifre possono essere utilizzate per coprire vari costi, dalle quote relative all’iscrizione ai costi di vitto o alloggio.
Altro punto particolarmente vantaggioso di questa offerta riguarda le modalità di rimborso, comodamente dilazionate fino ad un massimo di due anni, in modo da non pesare in maniera eccessiva sulle tasche dei richiedenti. Gli interessati potranno fare richiesta ufficiale entro e non oltre il 30 settembre del 2020 in quanto tale programma prevede la sua attuazione almeno fino all’anno accademico 2020/2021.
 

Vota la news :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Altre news

Scrivi un commento

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Francesca Lauritano, dopo una formazione iniziale di stampo umanistico ha deciso di indirizzare i suoi studi nel campo della comunicazione e del marketing attraverso un Master in Comunicazione d'Impresa.

Un percorso lavorativo variegato e trasversale: da archeologa a community manager, attualmente si sta occupando di ufficio stampa e media relations. Parallelamente sta approfondendo i suoi interessi per ciò che riguarda la comunicazione sul web e sui social.

Cerca