02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Mondo prestiti

Bce: allo studio nuovi prestiti alle banche

Pubblicato il 26 febbraio 2019
Nuovo supporto creditizio dalla BCE?

Quasi in scadenza 700 miliardi di prestiti

Le banche europee potrebbero presto ricevere nuova liquidità. I segnali di rallentamento della crescita dell’Eurozona e, in generale, le incertezze causate da un’eventuale guerra dei dazi tra Stati Uniti e Cina potrebbero spingere di nuovo la Bce guidata da Mario Draghi a mettere in campo una strategia di supporto al sistema creditizio.

A gennaio il Consiglio direttivo della Bce aveva discusso infatti l’ipotesi di una nuova serie di prestiti TLTRO (Targeted Longer-Term Refinancing Operations) a lungo termine e a bassi tassi alle banche dell’Eurozona dopo quella lanciata nel 2014. Secondo i verbali della riunione, resi noti solo poche settimane fa, il consiglio direttivo della Banca centrale europea, pur invitando a non accelerare i tempi ma a valutare tutti i rischi dell’attuale quadro economico, sarebbe intenzionato a evitare un peggioramento delle condizioni di liquidità delle banche dovuto all’avvicinarsi alla scadenza delle vecchie ondate di prestiti, fra giugno 2020 e marzo 2021.

Nei prossimi due anni infatti andranno in scadenza più di 700 miliardi di euro di prestiti a lungo termine della Bce agli istituti di tutta Europa. Si tratta di quanto raccolto attraverso le aste TLTRO (come detto acronimo di Targeted Longer Term Refinancing Operations), prestiti a tassi bassissimi per garantire liquidità al sistema del credito, e di riflesso, finanziamenti al mondo delle imprese e prestiti personali alle famiglie.

Le banche italiane hanno sottoscritto circa un terzo di tutti quei prestiti: la possibilità di ottenere un nuovo finanziamento rappresenterebbe una boccata d’ossigeno indispensabile dato l’aumento dei costi per i prestiti già in essere che devono sostenere le banche italiane dopo l’aumento dello spread. Ha preso pertanto sempre più piede l’ipotesi che possa essere varato un nuovo round di “Targeted longer-term refinancing operations” che costituiscono operazioni di rifinanziamento a medio-lungo termine.

Detto in altri termini, la BCE presterebbe nuovamente denaro al settore creditizio a condizioni particolarmente vantaggiose, con finanziamenti della durata di 4 anni. Vi è quindi grande attesa per le decisioni che potrebbero già essere prese nel mese di marzo. In ogni caso è probabile che le condizioni siano meno vantaggiose rispetto ai prestiti erogati in passato che hanno permesso agli istituti di finanziarsi a tassi negativi fino a allo 0,4 per cento.

Vota la news :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Altre news

Prestiti: ottieni fino a 75.000€ Confronto Prestiti »

Scrivi un commento

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Rosaria Barrile, giornalista professionista nata a Milano e laureata in Scienze Politiche, ha iniziato nel 2004 ad occuparsi di prodotti e servizi bancari e assicurativi per conto di un periodico specializzato e da allora non ha mai smesso.

In passato ha collaborato, tra gli altri, con il settimanale Soldi, la testata on line Etica News e il portale dedicato alle donne alfemminile.com. Ha condotto i servizi esterni della trasmissione Salvadenaro, programma di educazione finanziaria andato in onda sul canale 7Gold. Collabora attualmente con le testate on line Lamiafinanza.it, Lamiafinanza-green.it, Lamiaprevidenza.it, Banca e Mercati, e i mensili Largo Consumo e Bluerating.

Cerca