02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Mondo prestiti

17 marzo 2016

News - Un febbraio positivo per le richieste di prestito

Prosegue la crescita del settore finanziamenti in Italia

Trend positivo per i prestiti

In netta crescita le richieste di prestito da parte delle famiglie e dei privati italiani nell’appena concluso mese di febbraio 2016 che ha segnalato, nel complesso, un eloquente +11% rispetto al medesimo periodo del 2015, che a sua volta aveva registrato un andamento positivo con un +8,2%. 
Si tratta di un ottimo risultato che consolida il trend in crescita partito dall’ottobre del 2014, a conferma di come gli italiani stiano gradualmente acquisendo una maggiore fiducia nel settore economico nazionale. Resta comunque necessario adottare un atteggiamento di cautela in quanto persiste il gap, seppur sempre più ridotto, rispetto ai volumi registrati nel periodo precedente la crisi.
Ecco l’interessante quadro delineato dall’ultimo Barometro Crif, che si occupa ciclicamente di analizzare l’andamento delle richieste di prestito da parte degli italiani sulla base dei dati messi in luce da oltre 78 milioni di posizioni creditizie.
Entrando maggiormente nel dettaglio di questo recente studio si evidenzia come il settore dei prestiti personali e quello dei prestiti finalizzati seguano sostanzialmente due diverse tendenze. Nei primi due mesi di questo nuovo anno le richieste di finanziamenti finalizzati, ed in particolare di prestiti auto, sono cresciuti del +24%; al contrario la domanda dei prestiti personali rimane invece negativa rispetto allo stesso periodo del 2015 registrando un -3,4%.
L’ultimo Barometro mette anche in luce circostanze favorevoli per ciò che riguarda l’importo medio richiesto dagli italiani che a febbraio si è attestato, in linea di massima, attorno agli 8.430 euro e quindi in crescita rispetto al precedente anno. Facendo una distinzione è doveroso segnalare che per i prestiti finalizzati l’importo medio richiesto è stato di 5.672 euro mentre per i prestiti personali di 12.312 euro.
Permane la preferenza degli italiani per durate superiori ai 5 anni (22,2% del totale) scelta probabilmente da ricondurre alla volontà di non far pesare in maniera eccessiva le rate mensili sul bilancio familiare.
 

Vota la news :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Altre news

Scrivi un commento

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Francesca Lauritano, dopo una formazione iniziale di stampo umanistico ha deciso di indirizzare i suoi studi nel campo della comunicazione e del marketing attraverso un Master in Comunicazione d'Impresa.

Un percorso lavorativo variegato e trasversale: da archeologa a community manager, attualmente si sta occupando di ufficio stampa e media relations. Parallelamente sta approfondendo i suoi interessi per ciò che riguarda la comunicazione sul web e sui social.

Cerca