02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Mondo prestiti

L'aumento dell'Iva costa agli italiani 831 euro in più l'anno

Pubblicato il 26 aprile 2019
L'aumento dell'Iva costa agli italiani 831 euro in più l'anno

L'allarme di Federconsumatori

È un'Italia strabica quella che guarda alla finanza in questi giorni. Da una parte tiene d'occhio il mercato dei prestiti personali che continua a mietere record (a febbraio +8,4% le richieste), dall'altra guarda con sfavore l'eventuale aumento dell'Iva. I timori sono sorti dopo l'annuncio del ministro dell'Economia Giovanni Tria. “Il Def - ha dichiarato il ministro - conferma la legislazione vigente e l’aumento Iva è nella legislazione vigente, per cui il Def non cambia questa previsione. Possibili alternative agli aumenti saranno valutate ma non si possono definire oggi”.

Il rincaro Iva costa oltre 831 euro in più l'anno per famgilia. In attesa che la politica faccia il suo corso e decida, le associazioni dei consumatori fanno qualche conto aggiornando i dati circa le ricadute possibili con le aliquote Iva del 13% per i beni tassati in questo momento al 10% e con le aliquote al 25,2% per quelli tassati finora al 22%. Secondo Federconsumatori, per quanto concerne i beni tassati al 25,2%, nel 2020 l'aumento diretto sarà quantificabile in 432,2 euro in più l'anno a famiglia, mentre per i beni tassati al 13%, sempre nel 2020 l'aumento diretto ammonterà a 273,6 euro in più l’anno per ciascun nucleo familiare. A questo vanno aggiunte le ricadute indirette all'aumento dell'Iva, quelle dovute alla crescita delle accise e dell’Iva stessa sul carburante, a loro volta importanti in quanto incidono sul costo del trasporto dei beni: si parla, in questi casi, di un ulteriore aggravio da 125,47 euro l'anno. Il totale, tra ricadute dirette e indirette, fa 831,27 euro in più l'anno per ogni famiglia.

Viafora, Federconsumatori: “ricadute insostenibili per le famiglie italiane”. “Si tratta di ricadute insostenibili per le famiglie italiane che, tra l'altro, hanno i loro redditi fermi da alcuni anni. Un aumento come questo segnerebbe la caduta verticale della domanda interna e le conseguenze sarebbero catastrofiche sia sulla produzione industriale che sul mercato occupazionale. Per questo chiediamo a governo e parlamento di fare un passo indietro e di rinunciare a dichiarazioni avventate, durante la campagna elettorale, evitando l’incremento dell’Iva”, spiega Emilio Viafora, presidente di Federconsumatori.

Vota la news :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Altre news

Prestiti: ottieni fino a 75.000€ Confronto Prestiti »

Scrivi un commento

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Franco Canevesio, nato a Genova, è un giornalista professionista la cui attività è principalmente focalizzata su temi di economia e borsa.

Ha lavorato a La Repubblica, nei primi anni ’90, dedicandosi alla cronaca e collaborando, nello stesso periodo, con diverse televisioni private liguri. Trasferitosi a Milano, ha lavorato come capo redattore di Italia-iNvest.com, il primo sito specializzato in economia in Italia. Franco Canevesio ha anche lavorato al sito di Giuseppe Turani “Lettera finanziaria”. Per ciò che concerne la carta stampata ha collaborato con La Repubblica – Affari & Finanza ed è stato redattore capo di Finanza e Mercati. Attualmente, lavora presso MF-Milano Finanza.

Cerca