02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Mondo prestiti

Prestiti, anche i social possono aiutare a ottenerli

Pubblicato il 25 agosto 2020
Prestiti, anche i social possono aiutare a ottenerli

Aumenta l'uso di sistemi di social rating, ma i consumatori non sono ancora preparati

Li usiamo per chattare, comunicare, condividere le nostre riflessioni, discutere le notizie e altro ancora. I social network sono entrati nelle nostre abitudini nel giro di pochi anni ma la pubblicazione di informazioni strettamente personali può esporre a rischi. 
Allo stesso modo, fornire i propri dati su siti web può rivelarsi pericoloso se non si è certi dell’identità di chi li richiede: partecipare a un sondaggio online può garantirci uno sconto sui prodotti del nostro brand preferito, ma significa anche permettere che altri, tra cui società e istituti finanziari, possano consultare il nostro profilo social per valutare la nostra affidabilità sia sul lavoro, sia nella sfera privata. Negli Usa ad esempio sta crescendo il ricorso all’analisi di queste informazioni per comprendere la capacità di far fronte a un prestito bancario o di saper svolgere un determinato lavoro.

La crescente popolarità dei social media e dei servizi online ha portato infatti a un maggiore utilizzo dei sistemi di social rating, che consistono nell’uso di algoritmi automatizzati.

Secondo il nuovo report di Kaspersky, “Social credits and security: embracing the world of ratings”, basato su oltre 10mila interviste a livello mondiali, gli utenti più consapevoli su questo tema vivono in Asia:  ad esempio, in Cina, dove questo genere di valutazioni si sta diffondendo a livello nazionale, il 71% degli intervistati conosce il tema, mentre la percentuale scende al 13% in Germania e in Austria. Inoltre, anche in questo caso quasi la metà degli intervistati (il 45%) ha ammesso di avere problemi a capire come vengono calcolati i rating. Solo uno su cinque (il 21%) ha avuto un riscontro di tale fenomeno nella vita reale. Ciononostante, molti sono d’accordo con l’idea di fondo del social rating: il 70% afferma che è giusto e corretto limitare l’accesso alle risorse pubbliche (trasporti, istruzione, alloggi, etc.) in base al comportamento delle persone.

Secondo il report di Kaspersky, solo il 22% degli italiani, contro il 46% degli intervistati in tutto il mondo, ha sentito parlare di sistema di credito sociale. Nonostante questi sistemi siano già in uso e stiano acquisendo maggiore popolarità, rimane una certa ambiguità sul loro funzionamento e sulla loro efficacia. Dal report di Kaspersky è emerso, infatti, che il 46% degli italiani (43% a livello globale), condividerebbe dati sensibili per usufruire di tariffe agevolate e sconti e per ricevere servizi speciali. La sicurezza è un tema molto importante per gli utenti. Un italiano su due (51%) si dice favorevole al fatto che il governo controlli l’attività sui social media per tutelare i propri cittadini.

Sempre secondo la società che si occupa di sicurezza informatica, il 6% degli italiani avrebbe persino incontrato problemi a ottenere prestiti o mutui a causa delle informazioni che società di monitoraggio e valutazione hanno raccolto dai loro account personali sui social media. Il dato relativo all'Italia, anche se significativo, è inferiore a quello globale. Nel mondo, il 18% degli intervistati rivela difficoltà ad accedere ai servizi finanziari a causa di una valutazione che i sistemi di scoring hanno fatto sulla base di queste informazioni. I più penalizzati a livello globale sono stati i giovani tra i 25-34 anni (32%), utenti abituali dei social.
 

Vota la news :

Valutazione media: 0,0 su 5 (0 voti)

Altre news

Prestiti: ottieni fino a 75.000€ Confronto Prestiti »

Scrivi un commento

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.

Il profilo dell'autore

Rosaria Barrile, giornalista professionista nata a Milano e laureata in Scienze Politiche, ha iniziato nel 2004 ad occuparsi di prodotti e servizi bancari e assicurativi per conto di un periodico specializzato e da allora non ha mai smesso.

In passato ha collaborato, tra gli altri, con il settimanale Soldi, la testata on line Etica News e il portale dedicato alle donne alfemminile.com. Ha condotto i servizi esterni della trasmissione Salvadenaro, programma di educazione finanziaria andato in onda sul canale 7Gold. Collabora attualmente con le testate on line Lamiafinanza.it, Lamiafinanza-green.it, Lamiaprevidenza.it, Banca e Mercati, e i mensili Largo Consumo e Bluerating.

Cerca