02 55 55 666 Lun-Ven 9.00-21.00,
Sab 9.00-18.00

Credito e Consumi

Blog - Prestiti, generazioni a confronto

Prestiti per millennial, prestiti per silver

20 novembre 2017

I “Millennial” contro i “Silver”. Ovvero, i giovani di età compresa tra i 18 e i 34 anni e gli uomini e le donne più maturi, sopra i 55. Sono questi i due poli anagrafici individuati da Crif nella ricerca presentata a Roma dove, tra il 26 e il 27 ottobre, si è svolta l’ottava edizione di “Credito al Credito”, la manifestazione annuale dell’Associazione bancaria italiana che fa il punto sui finanziamenti alle famiglie e alle imprese. Dai dati di Eurisc, il Sistema di informazioni creditizie di Crif, emerge come i giovani dai 18 ai 34 anni d’età - i cosiddetti “Millennial”, appunto - preferiscano avvalersi di strumenti innovativi nella gestione della relazione con le società creditizie e anche come siano “multibancarizzati”. Oltre il 21% di loro, infatti, fa richiesta di credito a più di un istituto. Tuttavia, nei finanziamenti alle famiglie sono ancora i “Silver” a trainare. Se i “Millennial” si caratterizzano per un uso “smart” degli strumenti alternativi al contante e per una maggiore dinamicità nelle richieste di credito, i “Silver” sono invece più “affezionati” a un unico istituto di credito, preferendo fra l’altro prodotti di credito tradizionali.

Analoghi il numero medio di finanziamenti - 1,28 per i “Millennial” contro l’1,21 dei “Silver” - e la durata - cinque anni contro quattro - mentre l’importo medio è più alto per i giovani piuttosto che per i maturi: 25.700 euro contro 18.000 euro. In ogni caso, è certo un fatto: e cioè, come ha spiegato Crif a “Credito al Credito”, le nuove tecnologie stanno cambiando i paradigmi di distribuzione in tantissimi settori economici e anche nel mondo del credito stanno imprimendo una forte accelerazione nella direzione di un allargamento delle fonti di finanziamento. Insomma, il credito continuerà a esistere, sebbene - come dimostrano già oggi i “Millennial” - stia cambiando il modo in cui la domanda e l’offerta si incontrano. Il 26 e 27 ottobre a Roma - dove quest’anno il tema conduttore del convegno era “Innovare per accelerare la ripresa” - è emerso che la domanda di credito verso gli operatori digitali sta crescendo in maniera rilevante.

Il mercato nel complesso si sta consolidando, ma lo scenario resta complesso. Le aziende che fanno credito devono garantire ai clienti una sempre maggiore efficienza attraverso servizi evoluti, nel rispetto della richiesta, soprattutto da parte della clientela più giovane, di “tutto accessibile sempre e ovunque”, in modo semplice e immediato con una sola cliccata. D’altra parte, questi stessi servizi devono rispettare tutti i requisiti e gli obblighi normativi in tema di antiriciclaggio, sicurezza e contenimento e riduzione dei rischi legati a frodi e a insolvenze che possono eventualmente derivare proprio dall’operatività online. Ma se i nuovi paradigmi del credito sono all’insegna del “faster & smarter”, hanno fatto notare a Roma gli operatori del credito, non bisogna tuttavia dimenticare l’aspetto “umano”. È forse in virtù anche di questo aspetto - aggiungiamo noi - che le richieste di prestiti al consumo sono aumentate in misura piu? accentuata ovunque nel primo semestre 2017, come riferisce Bankitalia nella nuova edizione dell'indagine sulle banche condotta a livello territoriale.

Il profilo dell'autore

Credito e Consumi
blog di Maria Paulucci

Nata a Rieti, gli studi universitari a Roma, a Milano dal 2006. Dal 2007 al 2011 ha lavorato in Class CNBC, canale televisivo di economia e finanza del gruppo Class Editori. Nell'agosto del 2011 si è unita alla squadra di Blue Financial Communication. A dicembre 2017 è iniziata la sua esperienza in AdviseOnly.

Cerca

Preventivo prestito

Confronta i prestiti online e risparmia su finanziamenti personali e cessione del quinto.